Il falso Donald Trump di Scandal non è credibile

Kerry Washington in ABC ” Scandalo.”- John Fleenor-ABC

Kerry Washington in ABC ” Scandalo.”John Fleenor-ABC

Di Daniel D’Addario

18 marzo 2016 10: 24 AM EDT

All’inizio della sua stagione in corso, Scandal ha riacquistato il suo slancio con episodi che hanno affrontato questioni politiche del mondo reale. Lo spettacolo era fuori misura come sempre, ma i suoi momenti zanier hanno ottenuto la zavorra di cui avevano bisogno dalle trame che si occupavano, ad esempio, dell’aborto o del linguaggio codificato intorno alle realizzazioni delle donne nere. Questi problemi si inseriscono perfettamente in un universo che è loopy come qualsiasi mai visto in TV; che l’aborto si avvicinò, per esempio, perché la prima ragazza abortì il bambino del Presidente in segreto è il tipo di eccesso drammatico che si deve amare dello spettacolo.

Il che rende deludente ma non sorprendente che l’introduzione dello show di una figura di Donald Trump funzioni male come fa. Hollis Doyle, un personaggio che ha fatto parte dello spettacolo fin dai suoi primi anni, è entrato in corsa per la nomination repubblicana alla presidenza, aprendo la sua campagna con un discorso pieno di sentimenti anti-immigrati e anti-rifugiati. Il problema non è solo che la vita reale Trump è più interessante e, sì, più guardabile di un personaggio di finzione; è che questa retorica sottolinea come lo scandalo fuzzy permetta alla sua politica di essere.

Considera che i due colleghi candidati repubblicani di Doyle, così come l’incumbent repubblicano che sta correndo per sostituire, non differiscono solo da lui in termini di grado; sinceramente devoto alle idee liberali di equità per tutti, sono i suoi opposti polari. (Occasionalmente, come nella menzione della vicepresidente Susan Ross della sua convinzione nel bilanciare gli obiettivi ambientali con l’industria in questo episodio, si spingeranno fino al punto di dire qualcosa di centrista.) Presentandolo come un giocatore politico sottolinea solo quanto sia lontano a sinistra il GOP di questo universo. Il Trump del mondo reale era, fino a quando la sua nomina divenne una possibilità molto reale, tollerata a malincuore dai suoi colleghi candidati, che condividevano con lui determinati obiettivi e idee. Hollis Doyle guadagna immediatamente l’inimicizia ardente del suo principale concorrente, l’ex First Lady e ambizioso senatore del primo mandato Mellie Grant.

La sua descrizione del lavoro ha lo scopo di sembrare familiare e rappresenta il meglio di ciò che Scandal può fare: mettere la politica americana in un frullatore e produrre qualcosa di tossico ma delizioso. Ma non posso fare a meno di sentirmi come se il personaggio di Hollis Doyle perdesse qualcosa di cruciale interessante su Trump, che non è la sua distanza dal pensiero conservatore mainstream, ma la sua relativa vicinanza. (Il resto del campo repubblicano dei candidati, per esempio, non si esprimono il modo in cui Trump fa, ma non sono stati premiati per esprimere credenze pro-immigrazione.) I repubblicani al potere su Scandal hanno sempre agito esattamente come i democratici del mondo reale, il che rende il loro totale disgusto per la franchezza di Doyle in linea con il loro carattere. Ma è la prova che lo spettacolo non è abbastanza attrezzato per affrontare l’ampia popolarità di Trump e la crescente istituzione bona fides.

Vale la pena notare ancora una volta che Trump è semplicemente più avvincente della trama di Doyle. La svolta chiave nella trama di Doyle finora è che ha rubato il piano (non molto convincente) di Mellie per aprire la campagna nella sua scuola elementare e il suo slogan della campagna (decisamente cattivo) “Embrace America’s Tomorrow.”Da solo, questa è una trama abbastanza schematica (per qualche motivo, Mellie ha descritto la sua intera strategia all’inaffidabile Doyle); rispetto al modo in cui Trump si occupa degli avversari, è un gioco da ragazzi. Il problema è che se Scandal avesse davvero un personaggio di Trump, uno che parlava così liberamente e così ben oltre i limiti di ciò che era stato tradizionalmente accettato, nessuno ci crederebbe.

Questa è una soap opera, non fantasia.

Contattaci a [email protected]

You might also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.